Torna a Eventi FPA

Programma Congressuale

Torna alla home

  da 09:30 a 11:30

Dalle consultazioni all'empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata [ co.48 ]

Sala: Alicudi - Piano terra

Il Codice dell’Amministrazione Digitale (Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82 - CAD) necessita di revisione e su questo sia il Governo che la società civile sono stati impegnati negli ultimi mesi. Anche sul FOIA (Freedom of Information Act) che la società civile richiede da tempo e che il Governo si è impegnato a definire sono stati fatti alcuni passi avanti.

Contributi, proposte di emendamenti e correzioni, sono in attesa di produrre una normativa condivisa. Le consultazioni sono alla base della democrazia partecipata che ormai abbiamo chiaramente capito e condiviso essere il solo modo per innovare profondamente anche le normative.

Importante è quindi attivare consultazioni online trasparenti e aperte a tutti gli stakeholder in modo da garantire una più ampia partecipazione. Si devono individuare presto modalità e “spazi” di consultazione permanente con tutti gli stakeholder per garantire i tre elementi dell’Open Government: trasparenza, partecipazione, collaborazione.

L'incontro vuole essere un momento di confronto tra i principali attori ma anche uno spazio per decidere insieme come proseguire per conseguire i risultati attesi.

Programma dei lavori

Coordina

Marzano
Flavia Marzano al convegno “Dalle consultazioni all'empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata” - FORUM PA 2016
Flavia Marzano Presidente - Stati generali dell'Innovazione - Fondatrice WISTER Biografia Vedi atti

(Savona 1954), diplomata a Roma, laureata a Pisa in Scienze dell'Informazione. Da più di 25 anni opera per l'innovazione della Pubblica Amministrazione. Docente in Tecnologie per la pubblica amministrazione presso università di Bologna, Torino, Roma Sapienza e Link Campus University dove ha ideato e dirige il Master Smart Public Administration.

L’attività degli ultimi dieci anni si è svolta principalmente nei seguenti ambiti: Open Government, Smart City, Agenda Digitale, Trasparenza, Partecipazione, Open Source, Open data, Cittadinanza attiva, Divario digitale e di genere. Social network manager, esperta di comunità virtuali, fondatrice e Presidente (dimissionaria a seguito dell’incarico di assessora) di Stati Generali dell'Innovazione, ideatrice e animatrice della rete WISTER (Women for Intelligent and Smart Territories).

Si occuperà di rendere più semplice, inclusiva e innovativa la nostra città favorendo la partecipazione e la cittadinanza attiva.

Chiudi

Atti di questo intervento

01_co48_marzano_flavia.mp3

Chiudi

Intervengono

Ragone
Morena Ragone: "(Pre)requisiti e strumenti di partecipazione" - FORUM PA 2016
Morena Ragone giurista, dottore di ricerca, esperta in diritto applicato alle nuove tecnologie - Regione Puglia Biografia Vedi atti
Giurista, dottore di ricerca in pedagogia – con progetto di ricerca sui social media nella P.A. - ha esercitato come avvocato per molti anni. Studiosa di diritto applicato alla rete ed alle nuove tecnologie, si è dedicata allo studio dei dati e dell’amministrazione digitale.
 
E’ docente e relatrice in convegni di settore e formatrice per la pubblica amministrazione ed il settore privato. Pubblica articoli di approfondimento su diverse testate, ed è curatrice del blog “SocialMediaMente” su My Solution. E’ co-fondatricedell’Associazione Wikitalia e tra i promotori degli Stati Generali dell’Innovazione. In Regione Puglia è responsabile delle Azioni 6.1.6, 6.1.7 e 6.1.1.3 del FESR PUGLIA 2007-2013 - Strumenti di Ingegneria Finanziaria.
         Sito personale: www.morenaragone.it  Twitter: http://twitter.com/morenaragone

Chiudi

Sorichetti
Tommaso Sorichetti al convegno “Dalle consultazioni all'empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata” - FORUM PA 2016
Tommaso Sorichetti Presidente, Responsabile processi partecipativi - Puntodock Biografia Vedi atti

Dalla fondazione di Puntodock nel 2010, di cui è co-autore, sviluppa e realizza modelli collaborativi e pianificazioni condivise. 

Progetta e gestisce processi per soggetti pubblici, privati e organizzazioni a mission sociale.
Il payoff della cooperativa, “Generatori di soluzioni collettive”, si declina in lavori che hanno coperto tematiche ampie, ma sempre caratterizzati da una particolare attenzione all'impatto sociale: collaborazione organizzativa, pianificazioni per lo sviluppo locale, civic engagement, politiche giovanili, prevenzione sanitaria, servizi sociali, riuso di beni comuni, concetti di sharing economy applicati al Terzo settore. 
@TSorichetti

 

Chiudi

Atti di questo intervento

03_co48_sorichetti_tommaso.mp3

Chiudi

Faini
Fernanda Faini: "Dalle consultazioni all’empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata" - FORUM PA 2016
Fernanda Faini Presidente Circolo dei Giuristi Telematici/Responsabile Assistenza giuridica e-gov e open gov Regione Toscana Biografia Vedi atti

Dottore di ricerca in Scienze giuridiche - PhD in Legal Studies con specializzazione in diritto e nuove tecnologie presso l’Università di Bologna. Responsabile dell’assistenza giuridica e normativa in materia di amministrazione digitale, innovazione tecnologica e open government presso la Regione Toscana.

Collabora nell’ambito disciplinare “Diritto e nuove tecnologie” presso l’Università di Bologna (CIRSFID) e nell’insegnamento di “Informatica giuridica” presso l’Università degli Studi di Firenze, dove si è laureata con lode ed è cultore della materia. Ha conseguito il Master di secondo livello in Management Pubblico ed E-Government presso l’Università del Salento e il Corso di Perfezionamento post lauream in Professioni legali e scrittura del diritto presso l’Università di Firenze.

Docente in corsi e master universitari, autrice di pubblicazioni e relatrice in convegni nazionali e internazionali, membro di comitati scientifici e componente del program committee delle conferenze scientifiche internazionali ECDG-2018 (European Conference on Digital Government) e ICDS-2018 (International Conference on Digital Society and eGovernments). Componente della Task Force sull’Intelligenza Artificiale promossa da AgID e membro del Big Data Committee di ISTAT. Componente del gruppo di lavoro della Fondazione Italiana per l’Innovazione Forense (FIIF).

Componente del Comitato di redazione della Rivista scientifica “Ciberspazio e Diritto”, della Rivista “Il Documento Digitale” e della Rivista Know IT “Rivista scientifica per i manager della governance digitale e della privacy”. Autrice di articoli di aggiornamento e approfondimento su quotidiani e riviste giuridiche cartacee e online. Dal 2016 è presidente dell’associazione nazionale Circolo dei Giuristi Telematici. Componente dell’Associazione Nazionale Docenti di Informatica Giuridica e diritto dell’informatica (ANDIG), della Società Italiana di Filosofia del Diritto (SIFD) e della Società Italiana di Informatica Giuridica (SIIG). Autrice del volume “Scienza giuridica e tecnologie informatiche”, insieme a Stefano Pietropaoli (Giappichelli, 2017).

Chiudi

Palmirani
Monica Palmirani: "eParticipation: principi, modelli, strumenti" - FORUM PA 2016
Monica Palmirani Professore associato confermato - Università di Bologna Biografia Vedi atti
Monica Palmirani è professore Associato di Informatica e Diritto presso l'Università di Bologna, Facoltà di Giurisprudenza, abilitata in prima fascia nel 2013. Ha programmato la prima rete civica Iperbole del Comune di Bologna durante la sua tesi di dottorato e partecipato a diversi progetti europei in tema di eDemocracy. Promuove con le sue ricerche l’apertura dei documenti giuridici in formati standard XML e Linked Open Data per favorire la partecipazione, la cooperazione, la trasparenza e la conoscibilità delle fonte giuridiche. Le sue ricerche spaziano nel settore dei diritti di internet con particolare riferimento alla privacy e alla tutela dei dati, identità e cittadinanza digitale, Open Government Data e servizi eGov. 
 
E' membro del CIRSFID, presidente della Società Italiana di Informatica Giuridica, direttore del programma di dottorato internazionale Erasmus Mundus LAST-JD, direttore della Summer School LEX per l’applicazione dell’XML giuridico ai documenti legali e della Summer School CulTA sull’Open Data e Territorio: Cultura, Turismo, Ambiente. E' co-chair del technical committee LegalDocML e LegalRuleML di OASIS nell'ambito del comitato storico LegalXML. E' consulente di ricerca per la Regione Emilia-Romagna sulle strategie digitali e dell’open data. E’ stato membro di tavoli di lavoro sui temi dell'Agenda Digitale Italiana ed Europea, in particolare in merito alle firme digitali, il contrassegno elettronico e l'Open Data, standard normativi. Membro di FOIA4Italy. Ha svolto diversi periodi di visiting professor in Università estere: nel 2009 presso il NICTA - Brisbane, in Australia ospite del dott. Guido Governatori; nel 2010 a Stanford University presso CodeX, opsite del prof. Michael Genesereth, nel 2012 alla Birzeit University, Cisgordania.
 

Chiudi

Rosati
Elio Rosati: "La cittadinanza digitale, la sfida della partecipazione e dell’azione civica" - FORUM PA 2016
Vetritto
Giovanni Vetritto al convegno “Dalle consultazioni all'empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata” - FORUM PA 2016
Giovanni Vetritto Coordinatore Ufficio per le politiche urbane e della montagna, la modernizzazione istituzionale e l’attività internazionale delle autonomie regionali e locali - Presidenza del Consiglio dei Ministri Biografia Vedi atti

Nato a Teramo il 12.2.1966. Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Roma “La Sapienza” (1990). Prende l'abilitazione all'insegnamento delle materie giuridiche ed economiche nel 1990. Si specializza presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione nell'anno accademico 1991/92. Vincitore del I corso- concorso di formazione dirigenziale presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, dall'Ottobre 2000 diventa Dirigente della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Docente a contratto dell’Università degli studi di Roma Tre - Facoltà di Economia “Federico Caffè. Membro del Comitato esecutivo della Fondazione Critica liberale e Segretario del Comitato Scientifico della Fondazione Francesco Saverio Nitti.

Chiudi

Atti di questo intervento

08_co48_vetritto_giovanni.mp3

Chiudi

Mucci
Mara Mucci al convegno “Dalle consultazioni all'empowerment dei cittadini: per una vera democrazia partecipata” - FORUM PA 2016
Mara Mucci Deputata Biografia Vedi atti

Mara Mucci è nata a Bologna nell'estate del 1982 e vive attualmente ad Imola.

Laureata in informatica, nell’attività politica della deputata è evidente il riflesso della sua professionalità, con numerosi interventi ispettivi, di indirizzo e di iniziativa legislativa, votati alla digitalizzazione. Nuove tecnologie e risparmio energetico gli altri settori di proposta politica.

Eletta alle elezioni politiche del 2013 alla Camera dei Deputati nella circoscrizione Emilia-Romagna, portano la sua firma l’istituzione del Fondo per le startup innovative nel settore turistico, la spinta all’attività legislativa in ambito di retrofit elettrico dei veicoli, diversi interventi a tutela delle Partite Iva con tre proposte di legge in merito alla parità di diritti, maternità e regime fiscale, la proposta di legge sulla riforma dei partiti e l’attuazione dell’articolo 49 della Costituzione, sull’eutanasia e sulla parità di trattamento contrattuale tra uomini e donne nel mondo dello sport professionistico. Il governo ha accolto di recente la sua richiesta di portare al 10% l’imposizione fiscale per i birrifici agricoli.

Le sue ultime iniziative politiche vertono sul diritto alla libertà di voto referendario, prima sul cosiddetto referendum trivelle attraverso un ricorso al Tar ed ora sulla riforma costituzionale, dove sta presentando insieme ai Radicali italiani la richiesta di una consultazione per parti separate e quesiti parziali.

A livello locale è impegnata nella tutela dei diritti dei detenuti, con numerosi interventi per la regolarizzazione delle figure degli educatori all’interno dell’Istituto penitenziario minorile “Siciliani” e della casa circondariale “Dozza” di Bologna.

Semplificazione e digitalizzazione sono la mission della sua attività politica, dove applica la sua professionalità al servizio di uno Stato più efficiente e dinamico nei confronti dei cittadini.

Servizi innovativi che devono poter intervenire a tutela dei diritti della cittadinanza: diritti di accessibilità, conoscenza, partecipazione. Digitalizzazione per un miglior rapporto tra il pubblico e i servizi dello Stato.​​​

Chiudi

Costa
Beatrice Costa ActionAid Italia/Open ricostruzione Biografia

Sono nata a Milano nel 1981. Ho conseguito una laurea in Scienze Internazionali e Diplomatiche presso l’Università degli Studi di Torino nel 2005, successivamente mi sono diplomata in Scienze Religiose presso l’Istituto di Scienze Religiose di Novara e nel 2010 e ho frequentato il Master in Bibbia e cultura Europea presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale. Dal 2004 lavoro per ActionAid, un’organizzazione non governativa internazionale indipendente impegnata nella lotta alla povertà per la quale attualmente sono Coordinatrice dello Sviluppo Territoriale in Italia. Ho lavorato precedentemente sulle tematiche di genere e l’empowerment femminile coordinando il programma per i diritti delle donne di ActionAid. Ho curato con Elena Sisti per la casa editrice Altreconomia il volume “Le donne reggono il mondo. Intuizioni femminili per cambiare l’economia”.

Chiudi

Vegni
Sara Vegni: "Community School" - FORUM PA 2016
Sara Vegni Referente Territoriale per l'Abruzzo - Actionaid Vedi atti
Torna alla home